Ritorna ad Assab One il progetto nomade di Richard Gorman. Altre tappe hanno avuto luogo a Tokyo (Yanagisawa Gallery) a Belfast (Fenderesky Gallery) a Dublino (SO fineart editions). Come nella precedente edizione del 2017 gli artisti e le artiste sono tutti amici e amiche di Richard Gorman e di Assab One e sono stati invitati a consegnare da 2 a 6 lavori bidimensionali, disegni, fotografie, collages… Le uniche regole: lato massimo 30 cm; supporto: carta o cartoncino; donazione per ciascun lavoro 400 € uguale per tutti. Tutte le opere ci sono state consegnate via posta e saranno allestite nello spazio su supporti diversi, ma intanto potete divertirvi a guardarle e selezionare quella o quelle che vi piacerebbe avere.

Ognuna delle opere può essere vostra a fronte di un contributo liberale ad Assab One (come sempre fiscalmente deducibile) che sarà diviso equamente con l’artista. Basta segnalarci con una mail a donors@assab-one.org il nome dell’artista e il titolo completo dell’opera e potrete poi passare a rivederla e confermarla in sede. Ve la consegneremo alla fine della mostra insieme alla ricevuta per la vostra donazione.

con

Letizia Cariello, Claire Carpenter, Eun Mo Chung, Marta Dell’Angelo, Nathalie Du Pasquier, Taffina Flood, Giordano Domiziana, Aya Ito, Eithne Jordan, Wendy Judge, Róisín Lewis, Alice Maher, Camilla Santi, Amelia Stein, Azusa Takahashi, Muyi Wang
e con Antonio Catelani, Beppe Caturegli, Fabio Mantovani, Fabio Paleari


Richard Gorman

è nato a Dublino nel 1946. Dopo gli studi al Trinity College e alla Dún Laoghaire School of Art and Design, dal 1980 si è trasferito a Milano. Richard è soprattutto noto per gli abbinamenti astratti di colori e forme, e le interazioni tra gli elementi geometrici. Il suo lavoro è stato molto influenzato da vari viaggi in Giappone e dall’incontro con artigiani locali.
Richard ha esposto in istituzioni pubbliche e private sia nel suo Paese di origine sia internazionalmente, in Europa, in Inghilterra, in Giappone.
Le sue opere sono presenti in numerose collezioni pubbliche e private. Tra le altre, le collezioni dell’ Irish Museum of Modern Art, del Civic Offices Dublin, dell’ Ulster Museum in Belfast, della AIB Bank, dell’Annie and Joseph Albers Foundation. E’ stato il primo artista Irlandese a cui la Maison Hermes ha commissionato la realizzazione di un carré. E’ del 2015 KAN , la sua prima mostra ad Assab One.